guarda che è normale mamma

Di mamme

Mamme che lavorano tutto il giorno.

Mamme che stanno a casa per scelta.

Mamme che lavoravano ma poi, con il prodotto di una panza, son state “gentilmente” accompagnate alla porta dal datore di lavoro.

Mamme che si sono reinventate una professione.

Mamme che vorrebbero ritrovare una professione.

Donne allegre, curiose, intraprendenti, alte e basse, alla moda e colorate, serie e sognatrici, che sanno cucire a macchina meraviglie, che non sanno farlo ma cucinano benissimo, che non sanno neanche cucinare ma quando scrivono aprono mondi pazzeschi.

Quest’anno sono andata al mammacheblog, un evento per mamme blogger, lo dice il nome. E’ stato bizzarro incontrarsi, riconoscersi perché magari ti parli tutti i giorni su twitter, ma non sai che faccia ha la tua amica virtuale. Parlarsi davvero. E scoprire che siam tutte diverse, ma in qualche modo uguali. (ok, non tutte, ma la bilancia pesa più di qua che di là). Abbracci spontanei, risate, un paio di spritz, la sensazione che se fossimo vicine di casa sarebbe tutto più bello. Più facile. Più divertente.

Torno a casa con la sensazione che tante mamme han bisogno di scrivere, di stare online per confrontarsi, per fare amicizia, per sentirsi sulla stessa barca. Ma anche che tante mamme han bisogno di lavorare, ma il nostro paese non lo permette (che scoperta eh? però un conto è quando lo sai, un conto è quando in 12 ore raccogli troppe storie che non vorresti sentire). Hai voglia a doverti reinvetare free lance quando hai investito tutta una vita in una professione. Hai voglia a trovare lavoro in questo momento. Qualche dritta male non fa, ma siamo sincere, non è facile.

Eppure, io credo che ce la faranno. Che ce la faremo. Perchè quello che forse il mondo là fuori non ha capito è che saremo anche tutte mamme con figli a casa che “danno fastidio” al lavoro, ma siamo anche donne molto determinate, che hanno il triplo della forza e della voglia per fare qualcosa di grandioso. Non ce lo fate provare, ve lo dimostreremo lo stesso.

Tremate, tremate, le mamme son tornate.

 

 

Leave a Comment

18 + nove =

Comments (12)

  1. Bellissimo post! Non sono riuscita a venire al Mammacheblog ma se fossi venuta avrei avuto sicuramente anch’io da raccontare qualcosa in merito!

    1. evviva!! pensavo di averlo perso per sempre (e l’avevo appena preso dalla mitica cowdogo!) uhm… la redazione l’avete a milano? PS: grazie a te per l’organizzazione e tutto quello che c’era. ora ho anche rimesso il link, che ho visto non essere funzionante! 🙂

  2. Già concordo e sottoscrivo: bellissimo post!! E certa che le mille fatiche e “lotte” verranno ricompensate…
    Avanti mamme alla riscossa!!;-)

    1. oh sì. 🙂 in bocca al lupo quasi neomamma! (a cui sento di dover consigliare il mio libro… così, tanto per fare un po’ di autosanapromozione no?) 😀

      1. Sì Silvia,
        l’ho già divorato, c’eravamo già scritte tipo 3 sett fa! Lo riprenderò pezzo per pezzo ai momenti opportuni….!kiss

        1. ecco, che brutta figura! per una volta che decido di fare quella “promozionale”. scusami.
          🙁 ora non ti dimentico più. promesso