guarda che è normale libri mamma

E’ vero davvero

Mi diverte sempre tantissimo guardare le parole chiave con cui si arriva a questo blog, quelle che si mettono su google. A volte sono parole normali, altre domande a cui vorrei tantissimo rispondere, ehi tu, torna qui, chiedimelo che ti dico la mia. Spesso, ultimamente, è Peppa Pig. Altre volte sono parole imbarazzanti che mi chiedo se davvero sia stata una buona idea mettere la tag cacca.

Ieri, così per curiosità, ho voluto provare a mettere guarda che è normale su google, tanto per vedere cosa usciva, se il blog era il primo dell’elenco. Una semplice curiosità. Sì, il blog è il primo dell’elenco. Al secondo posto, invece, è apparso invece un link diverso. Che non riportava a me. Che mi ha fatto quasi venire un infarto. Questo.

Ora, è ovvio che ho firmato un contratto, mi avevano parlato di maggio, potevo anche aspettarmelo. Ma, vederlo scritto lì, ha dato conferma a tutta una serie di paure che ancora giravano (girano) attorno al mio libro, anche dopo la firma. Perchè tutto quello che sta succedendo ora, sarebbe dovuto succedere l’anno scorso e un anno di attese, rimandi, finali inaspettati fortunatamente trasformati in non finali, mi hanno un po’ segnata. Quindi ok, il libro c’è da mò e da mò era pronto alla pubblicazione. In questi ultimi due mesi è diventato vero. Ma ora, finalmente, è vero davvero.

E così, mentre preparo la valigia, pronta a lasciare la Patata gigante e il suo bel fratellino ruggente per ben tre giorni (memories), rileggo i capitoli, faccio le ultime aggiunte, penso alla cover e spero in una bella cover (che diciamocelo, la copertina è tutto). Finalmente in pace. Perché di cose puoi averne scritte tante e ancora tante ne scriverai. Ma questa è l’unica che vorrei davvero veder pubblicata.

E forse ci siamo. Maggio non è poi così lontano.

(Il 28 febbraio invece è vicinissimo, sarà meglio che mi dia una mossa a finire la rilettura eh!)

Leave a Comment

10 − tre =

Comments (5)

  1. Capisco la sensazione di “acqua alla gola”!! Mio marito sta “combattendo” con il suo manoscritto e la casa editrice gli ha dato tempi strettissimi: il punto è che quando è arrivata la proposta della pubblicazione, nessuno ci credeva e ci siamo chiesti per giorni se “fosse tutto vero”.
    Un abbraccio e in bocca al lupone!

  2. Maggio??? Beh perfetto.. A maggio nasce la MiniGnoma.. sempre una specie di parto è, no?!? 🙂 Sono curiosa e ti aspettooooo!!!