guarda che è normale storie

Merry Xmas

La corsa dei regali, che anche se hai fatto tutto online un mese fa, figurati se non avevi dimenticato tizio, caio e pure sempronio.

Le lucine, che chissenefrega se la bolletta del trimestre sarà un po’ più alta. Allola è ploplio Natale ripaga di tutto (ditelo all’A2A, magari ci credono)

I ravioli in brodo, che anche se non andiamo più dalla zia a Natale, lei li faceva sempre e mi piacciono le tradizioni di famiglia. Che poi li mangio solo io è un altro discorso… ma non demordo.

I biscotti per Babbo Natale cucinati tutti insieme il pomeriggio della Vigilia, che vorrai mica farlo arrivare di notte tutto infreddolito e non fargli mangiare niente?

Il primo Babbo Natale, che la Patata l’anno scorso non capiva ancora e quest’anno invece lo aspetta emozionata e lo sa che domani mattina troverà i regali. E io spero che l’emozione non la svegli all’alba. Ma mi sa di sì. Ma sorriderò, pensando che me la son cercata. (sorriderò?)

Il mio Babbo Natale, che ogni anno portava qualcosa che volevo tantissimo, magari sbagliando un po’, che il Cercafamiglia lo volevo col pelo e invece era arrivato liscio. Ma è ancora oggi il mio pupazzo preferito.

E la notte in cui a casa dell’altra zia che non c’è più, squillò il citofono e io mi ero dovuta nascondere sotto il letto, perchè era proprio lui che suonava, Babbo Natale, ma io ero ancora sveglia, presto nasconditi. E poi, fuori dalla porta, c’erano i regali. Ma i miei parenti erano tutti lì. Allora esiste davvero! (grazie vicino di casa della zia)

E il primo Natale di Lion. Che lui non sa niente. E ha la varicella. Ma festeggia con noi. E sarà il reginetto della festa.

E il giorno di Natale tutti insieme, perchè qualche anno fa, ancora prima di essere famiglia, abbiam deciso che il Natale dovevamo farlo io e lui insieme.  E i genitori si possono unire. E ora festeggiamo tutti sotto lo stesso tetto.

E i pacchetti. Che anche se oggi è bellissimo che ci siano i regali dei bimbi, quella magia dello scartare i regali anche per me rimane. E ci provo ogni anno ad aprirli a mezzanotte, ma lui vuole aprirli al mattino. Soffro.

E il mio papà, che questo Natale deve essere forte. E noi con lui. E speriamo che Babbo Natale nella slitta abbia spazio anche per il suo regalo. Dai, Santa, you can do it.

Buon Natale. A noi. A voi.

 

Leave a Comment

Comments (1)