guarda che è normale guarda che pancia

Pancia uno – pancia due

Pancia uno: qualche nausea, di solito alla sera. Mi si chiude lo stomaco. Mangio pochissimo dopo le 18.

Pancia due: forti nausee, vomito anche. Appena passa la nausea diventa fame atavica. Mangio tantissimo. Preferibilmente alle undici del mattino: ancora meglio se ci sono pop corn, confezione formato famiglia. Vorrei fermarmi, non ci riesco.

Pancia uno: vado in motorino fino al settimo mese, mi parte la schiena un paio di volte (tipo, è normale avere l’anca destra all’altezza dell’ombelico e la sinistra molto più in basso? la risposta è no)

Pancia due: vado in bicicletta fino al settimo mese, mi parte altro che di certo non racconto su un blog.

Pancia uno: che cosa sono tutti questi crampi? Sarà normale, aiuto.

Pancia due: ah, i crampetti preparatori, me li ricordo.

Pancia uno: ho sonno, quante dormite.

Pancia due: ho sonno. Ma se di notte mi sveglio attorno alle cinque/sei è finita. Piacere, insonnia.

Pancia uno: non ho voglie, ho le non voglie. Nessuno nomini il pesce, neanche per sbaglio.

Pancia due: datemi il sushi. E qualche cosa pieno di aceto, tipo i cetriolini o i carciofi (carciofi??). E caramelle gommose a pacchi. Grazie

Pancia uno: canto al bimbo nella pancia canzoni straniere e italiane, repertorio misto, quasi raffinato.

Pancia due: canto Zecchino d’oro e canzoni dell’asilo non al bimbo nella pancia, ma se le becca anche lui.

Pancia uno: non ho voglia di bere, solo l’idea del vino mi nausea.

Pancia due: vi prego, fatemi bere, ho voglia di essere brilla e bere a grandi sorsi.

Pancia uno: non fumerò mai più.

Pancia due: vi prego, fatemi fumare. All’aperitivo. Con una birra ghiacciata.

Pancia uno: «Lì dentro c’è sicuramente una femmina», oh sì, fate che sia femmina.

Pancia due: «Lì dentro c’è un maschio», oh va bene. Ma va bene anche se è femmina. Non lo so cosa preferisco.

Pancia uno: mi piaccio un casino, ‘sta panza mi dona.

Pancia due: mi piaccio media, più a giorni no che sì.

Pancia uno: essere incinta è un gioco da ragazzi, si sta troppo bene.

Pancia due: aiuto, che fatica, mi pesa tantissimo, mi manca l’aria (non metaforicamente, credo abbia i piedi sui polmoni).

Pancia uno: ti aspetto preparando i biscotti di Natale.

Pancia due: ti aspetto andando al mare.

Pancia uno: che figata quando si muove.

Pancia due: che figata quando si muove.

Ogni gravidanza è a sé. Ogni bimbo è a sé. Non servono confronti, ma è bello segnare, per ricordare.

Leave a Comment

Comments (14)

  1. Adoro la foto che correda questo post! Ma che belle siete?!?
    Del tuo elenco, alla mia pancia uno (e unica?!?) condivido: la voglia di bere/fumare/sushiare a più non posso, il desiderio che sia femmina, la voglia di andare al mare ADESSO, anche se aspetterò l’arrivo del fagiolo impacchettando i regali di Natale.
    Ah, e non vedo l’ora che la panza lieviti! Si capisce che comincio a viverla un po’ meglio? Hahaha! 🙂

    1. Oh ben tornata. mi son persa il tuo ultimo commento (cioè l’ho letto, ma non so più in che post lo hai scritto e volevo rispondere!)
      comunque, sento di poterti dire con grande felicità, che il SUSHI la mia doc me lo fa mangiare. E l’ho mangiato al primo giro, e l’ho mangiato al secondo. Unica accortezza, non cambiare fornitore, mangialo dove lo hai sempre mangiato. Non sarà bere, non sarà fumare, ma almeno una cosa la possiamo fare! 😉 PS: pancia uno natalizia batte pancia due che caldo! considera anche che durante le vacanze di natale verranno tutti a trovarti, hanno tutti tempo. a luglio-agosto hai presente milano? ecco.

      1. io della pancia estiva (partorito il 14 agosto) ho apprezzato proprio il fatto che a Milano non ci fosse nessuno, nessuno che ti piombava a casa all’improvviso quando te magari sei preso a organizzarti con il minibimbo (si lo so sono asociale e irrecuperabile), nessuno in strada per andare all’ospedale dall’altra parte di Milano che avevo scelto.
        E comunque sembra che a Milano in estate non ci sia nessuno, ma in ospedale c’era il pienone 😀

  2. Ah, il sushi è sdoganato?!? Davvero?!? Posso chiederti dovelo mangi? Io in realtà l’ho sempre mangiato ovunque, in posti più o meno di qualità, dipedeva dalle finanze! Tu hai un sushiaro di fiducia adatto alle panzone milanesi?
    Sulle numerose visite pre-natalizie alla panza hai ragione, non ci avevo pensato…! In effetti il deserto di luglio/agosto non dev’essere facile da vivere con il nano/a n° 2 in arrivo!

    1. sì, la mia dottoressa lo sdogana. e quel che dice lei per me è oro colato (soprattutto quando posso trarne vantaggio) 😉

  3. In effetti, due gravidanze, due maternità, due figli completamente agli antipodi.
    Sai che pure io ho usato la pila sulla pancia, la musica (fors tu no?) e i cuscini?? E s’è girata 😉

    1. ah no, la musica mi mancava! 😉 ma forse, a furia di ascoltar coccodrilli e zanzare, ha pensato bene di girarsi lo stesso, già stremato/a

  4. pancia uno : una Stella
    pancia due: Astroboy! 😉

    …è bello segnare per ricordare e ricordare leggendo chi segna per ricordarsi!

  5. Che bello questo post Silvia! fa sognare… seguire la tua seconda gravidanza nel blog è un po’ come rivivere la mia… un anno dopo!mi vien quasi voglia del secondo… ho detto QUASI!